Vasca volano bozzente - Nord Milano Consult
15202
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15202,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Vasca volano bozzente

ico_ambientale

Dettagli

localizzazione: Cislago (VA) e Mozzate (CO)

anno: 2005-in corso

committente: società bozzente s.r.l. volume di laminazione 65.000 mc

servizi svolti: Progettazione e D.L.

La vasca volano è preposta a ricevere, previa separazione delle acque di prima pioggia in una vasca di cattura, le acque provenienti dai manufatti di sfioro della rete fognaria di Cislago e Mozzate, e restituirle laminate al Torrente Bozzente, riducendo drasticamente le portate scaricate ed al contempo migliorando la qualità delle acque stesse, grazie al sistema di fitodepurazione permanentemente umido inserito al suo interno.
Nel contempo sono previsti una interventi sulle sponde e sull’alveo fluviale atta a diminuire gli accertati e cospicui fenomeni erosivi mediante l’utilizzo di tecniche di ingegneria naturalistica.
La vasca volano ha inoltre un alta connotazione naturalistica che si raccorda sia all’ambiente fluviale limitrofo, sia ai percorsi fruitivi esistenti e/o in progetto nella zona.


Le scelte progettuali
Le scelte progettuali si sono orientate alla riqualificazione del bacino fluviale in un processo di miglioramento multi-obiettivo (ambientale, fruitivo, paesistico) che non si limita a risolvere un problema a carattere locale del corso d’acqua e delle aree

circostanti, ma porta benefici anche nelle aree di valle, diminuendo le portate, favorendo la regimazione della sedimentazione di materiale, migliorando la qualità delle acque scaricate, dei sedimenti e la capacità di auto-depurazione del fiume e contribuendo, più in generale, al miglioramento della qualità paesaggistico-ambientale del bacino fluviale.
In aggiunta alle esigenze di carattere idraulico, sono stati inseriti contenuti innovativi sotto il profilo architettonico-paesaggistico ed ecologico-ambientale volti a:
– migliorare la qualità paesaggistico-ambientale del bacino fluviale, valorizzandone il riconoscimento all’interno dei sistemi locali attraverso l’integrazione dei percorsi ciclo-pedonali in progetto con i percorsi urbani e con quelli delle aree naturalistiche limitrofe;
– migliorare le condizioni di sicurezza idraulica e morfologica del corridoio fluviale;
– migliorare la qualità delle acque;
– concorrere alla realizzazione di ecosistemi locali con funzioni integrate di auto depurazione e sviluppo della biodiversità;
– mantenere le aree boschive per impedire il degrado delle sponde;
– migliorare le condizioni vegetazionali nell’area di pertinenza del corso d’acqua.