Piano territoriale esecutivo dell'area di Malpensa - Nord Milano Consult
15429
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15429,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Piano territoriale esecutivo dell’area di Malpensa

ico_pianificazione

Dettagli

localizzazione: lorem ipsum

anno: 1990

committente: lorem ipsum

servizi svolti: Progettazione e D.L.

Le origini del piano

La legge 22 agosto 1985 n. 449 decideva l’ampliamento di Malpensa; la SEA nel dicembre 1985 presentava il progetto Malpensa 2000 e la Regione (3 giugno 1986) poneva precise condizioni e decideva di predisporre un Piano esecutivo d’area, per i comuni di Arsago Seprio, Busto Arsizio, Cardano al Campo, Casorate Sempione, Ferno, Gallarate, Golasecca, Lonate Pozzolo, Samarate, Somma Lombardo, Vizzola Ticino, con delega funzionale alla Provincia di Varese e predisporlo. 

Scopi del piano

– l’ampliamento della dimensione operativa del progetto Malpensa 2000 a tutti i fenomeni che ne conseguono sul territorio

– il mantenimento del livello di compatibilità ambientale come compensazione oggettiva a favore dell’area

– l’utilizzazione dell’occasione del nuovo aeroporto per dar luogo ad una improcrastinabile operazione di ristrutturazione urbanistica nel territorio.

Scelte fondamentali

Il piano assume le seguenti scelte fondamentali, tutte di uguale peso e significato, dal cui insieme emerge la definitiva e globale strategia di intervento:

1. Accelerare i tempi di realizzazione di “Malpensa 2000”

2. Operazione di ristrutturazione urbanistica dell’area

3. Un nuovo sistema urbano: la “Città di Malpensa”

4. L’area come polo sullo scenario regionale

5. Processo generativo di un’armatura urbana intermedia

6. “Parco di Malpensa” come elemento integrante del nuovo sistema urbano

7. Caratterizzare il modello insediativo in rapporto e in appoggio ai centri esistenti

8. Maglia infrastrutturale a reticolo

9. Innovazione nello sviluppo dei settori produttivi

10. Modernità e internazionalità nell’habitat e nei servizi